Eh non c’è nulla da fare: forse Daniele Tascini sta diventando uno dei miei autori preferiti! Dopo aver rispolverato Sulle tracce di Marco Polo, andiamo a scoprire uno degli ultimi lavori dall’autore, questa volta affiancato da Federico Pierlorenzi.

Da poco conclusa con successo la campagna di crowfounding sulla piattaforma Giochistarter di Giochix, in Trismegistus: the ultimate formula, vestiremo i panni di alchimisti. Il nostro compito sarà quello di trasmutare i metalli e ottenere la formula definitiva che ci porterà alla vittoria.

Trismegistus: particolare del tabellone
Trismegistus: particolare della tabellone

Il gioco si ispira ad Ermete Trismegisto, un personaggio leggendario venerato come maestro del sapere, grazie ai suoi scritti contenenti incantesimi e preparati alchemici.

Stando alle indiscrezioni il sistema di gioco sarà un mix tra carte e dadi (questi ultimi presenti nella maggior parte dei suoi giochi). La partita dure tre turni ed ognuna di esse contiene 4 fasi: draft, azioni, reazioni e pulizia del laboratorio. La fase di reazione mi incuriosice particolarmente: potrebbe aumentare il livello di strategia nello svolgimento del gioco.

Per i backers di Trismegistus la spedizione è prevista per Febbraio 2020, mentre la versione retail sarà distribuita ad Aprile 2020. Aspettiamo con ansia!

Trismegistus: i componenti del gioco
Trsimegistus: i componenti del gioco


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Avatar
I miei genitori mi regalarono la prima copia di Dungeons & Dragons alla tenera età di 10 anni, anche se in realtà avevo chiesto a Babbo Natale un altro gioco in scatola! E da quel momento in me nasce la passione per i giochi di ruolo. Ma ahimè durante la mia gioventù, essendo questo un genere molto di nicchia, la mia passione fu soddisfatta solo a fasi alterne. Poi qualche anno fa incontrai gli amici della Tana dei Goblin, che mi hanno fatto rivivere una seconda giovinezza ludica, trascinandomi con forza anche nel mondo dei board game. E’ con questo bagaglio e la voglia di mettermi in “gioco”, che proverò a trasmettere la mia esperienza attraverso Moondo Play.