Dopo Cryptid, la Osprey games sforna un altro gioiellino da due giocatori: Undaunted, un deck-building tattico, giocabile anche in modalità campagna, frutto del lavoro della coppia di autori: David Thompson e Trevor Benjamin. Mondo Play l’ha subito provato per voi!

Asse e Alleati in 108 carte…

Giugno 1944. Il D-Day è passato da pochissimi giorni, gli alleati hanno rotto le difese dell’Asse e le rive della Normandia sono cadute. Ora, è tempo di entrare nel cuore della Francia…… O di resistere….

E’ questo infatti il tema di Undaunted, wargame medio per due giocatori, giocabile come campagna o scenari singoli. Un piccolo gioiello, targato Osprey Games, che dopo Cryptid, segna un altro punto nettamente a favore per la casa editrice di Oxford… Ma andiamo con ordine…

Qualità, e non quantità

La componentistica di Undaunted è, strano a dirlo, uno dei punti di forza maggiori.

  • Due mazzi da 54 carte, uguali per numero di carte unità, ma differenti per grafica, che, devo dirlo, è una delle più belle mai viste per un gioco con questo tema.
  • Tessere terreno, che vengono usate per creare lo scenario, in cartoncino ben spesso e con disegni poco “invadenti”
  • 4 Dadi a 10 facce e segnalini fazione: utilizzati per determinare la battaglia i primi, e per segnare le proprie truppe sul campo, ed il controllo sullo stesso, i secondi
  • Completano i componenti, un regolamento ed un libro “scenari campagna”.

Ogni componente trova posto nell’inserto della scatola, disegnato per riporre tutti i pezzi in maniera precisa; Qualche perplessità sul portacarte, che probabilmente, una volta imbustate, non ci staranno più…

Undaunted inserto scatola
inserto della scatola di undaunted. Tutto riposto in maniera perfetta

Asimmetria….

Ma andiamo al gameplay, e all’innovazione che questo titolo si permette di aggiungere ad un mondo, quello dei wargame, già decisamente sfruttato.

Ogni scenario (ce ne sono 12 nel libro nella scatola NdA), prevede la preparazione del terreno di guerriglia tramite le tessere terreno. Dopodiché vengono schierate le truppe sul campo e definiti gli obiettivi, di solito diversi per le due fazioni. Per ultimo, vengono preparati i mazzi dei giocatori, con ogni scenario che definisce le truppe disponibili e i rinforzi da acquistare.

libro degli scenari di undaunted
libro dei 12 scenari di undaunted

Ogni giocatore avrà quindi un mazzo di pesca iniziale e una riserva di carte, dalla quale poter acquistare nuovi rinforzi da inserire via via nel proprio mazzo.

Una volta pronti si inizia, con ogni giocatore che pesca 4 carte dal proprio mazzo

…Carte e…

Da queste 4 carte, UNA verrà utilizzata per determinare l’iniziativa del turno, le altre 3 per effettuare le azioni nel proprio turno

Ogni carta infatti, ha un proprio valore di inziativa, la lettera della squadra a cui appartiene (A, B o C), la propria specializzazione tra fucilieri, mitragliatori, scout, operatori di mortaio ecc, e da 1 a 4 azioni dalle quali poter scegliere quelle del proprio turno.

Undaunted carte e segnalini di udaunted
alcune carte truppa e i relativi segnalini

Determinata l’iniziativa quindi, il giocatore che ha quella più alta, svolge il proprio turno, giocando una ad una le carte dalla propria mano per svolgere una o più delle seguenti azioni (Con X si indica un numero variabile, che determinerà la forza dell’azione)

  • Muovere X: Con questa azione, si possono muovere le truppe attraverso il campo, in territori controllati o già esplorati
  • Esplorare X: Con questa azione, si possono muovere i propri scout, così da scoprire nuovi territori nei quali muovere successivamente le proprie truppe. Con questa azione, il giocatore prenderà in mano anche una carta Fog of War: che non ha azioni e serve soltanto ad ingolfare il proprio mazzo
  • Supportare X: Prendere X carte dalla riserva e metterle negli scarti.
  • Comando X: Si possono pescare X carte dal mazzo e giocarle nel turno in corso
  • Nascondere: Con questa azione, l’avversario prende 1 carta fog of war dalla propria riserva e la pone nella pila degli scarti
  • Controllo: Una tessera già esplorata e pulita dagli avversari, viene sotto il nostro controllo, oppure una tessera controllata da un avversario si gira sul verso esplorato: questa azione viene usata per togliere punti strategici all’avversario o tessere obiettivo
  • Ispirare X: Riprendere X carte dalla tavola, e rigiocarle di nuovo, scegliendo la stessa azione o una diversa
  • Ricognizione: Con questa azione, possiamo prendere una carta fog of war dalla mano e rimetterla nella riserva, snellendo così il nostro mezzo di pesca
  • Obiettivo: Piazzare o spostare il proprio segnalino obiettivo mortaio sul tabellone

…Dadi

Le ultime tre azioni disponibili sono quelle di combattimento:

Attaccare, Sopprimere e Bombardare

Con queste 3 azioni, i giocatori cercheranno di eliminare le truppe avversarie per conquistare le tessere obiettivo valide per la vittoria: Con Sopprimere, l’attaccante farà fuoco sul nemico, non eliminandolo ma cercando di ritardarne le azioni, mentre Attaccare e Bombardare serviranno per cercare di eliminare le truppe dal campo. Ognuna di queste azioni è risolta allo stesso modo, sebbene il risultato finale sia diverso:

esempio di gioco con segnalini schierati nel campo di battaglia
esempio di gioco: segnalini schierati in campo e pronti per attaccare l’obiettivo

Si determina il bersaglio dell’attacco, che, udite udite, può essere qualsiasi avversario sul campo, a determinare che in guerra non esiste una vera e propria distanza oltre la quale non poter sparare. Dopodiché si determina il valore di difesa del bersaglio, dato da: Valore base stampato sul segnalino + valore di difesa della tessera (stampato sulla tessera stessa) + distanza dell’attaccante dal difensore (+1 per ogni tessera oltre quella dell’attaccante, fino al difensore)

Dopodiché si lancia il dado a 10 facce: un risultato uguale o superiore al valore totale di difesa è un colpo a segno (un 10 è sempre colpo, a prescindere dalla difesa del bersaglio). Se c’è stato un colpo, l’attacco si risolve in questa maniera per ogni azione:

  • Attaccare: Il Difensore prende una carta della squadra colpita e la elimina dal gioco, rimettendola nella riserva. La carta deve essere presa con queste priorità: mano di carte, scarti, mazzo di pesca. Se viene tolta l’ultima carta di una determinata squadra, togliere il segnalino dal tabellone: Quella squadra è stata completamente eliminata
  • Sopprimere: Il difensore gira il proprio segnalino bersagliato sul lato opposto, a segnare che la propria unità e sotto fuoco di soppressione. Non viene tolta alcuna carta dal mazzo, ma la prossima azione di quel determinato segnalino servirà soltanto a riattivarlo, girandolo di nuovo sul lato “operativo”
  • Bombardare: Tutte le unità in quel determinato territorio bersaglio subiscono le perdite di un attacco, sia il difensore che l’attaccante!

Vince il giocatore che riesce per primo a soddisfare il proprio obiettivo

Bersaglio centrato

Undaunted, per molte settimane nella hotness di molti siti specializzati, si dimostra per quello che è: un ottimo wargame medio, che necessita di molta tattica e intuizione, e che, a differenza di quello che può sembrare, lascia molto poco alla casualità dei dadi. Partita dopo partita si riesce a capire che non serve soltanto riempire il proprio mazzo di truppe per vincere, ma è necessario un attento studio dello scenario e delle mosse dell’avversario. Un perfetto entry level nel mondo dei wargame insomma, con meccaniche facili da comprendere e da giocare, ma non senza una profondità strategica che lo rende un titolo veramente tosto da padroneggiare. Ad un passo dalla perfezione insomma, potrebbe pagare un pò di ripetitività nel lungo termine… Ma gli autori Thompson e Benjamin, hanno già annunciato un’espansione con nuovi scenari e l’introduzione dei veicoli… Abbiamo già l’acquolina in bocca ed il portafogli mezzo aperto!


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche: